11/07/10

Aquilani manganellati a Roma


Ai poveri Aquilani, disperati per il grande terremoto e la distruzione della loto città, giunti a Roma per manifestare pacificamente e farsi ascoltare dal parlamento della nazione, si tenta in ogni modo -incivilmente- di impedire di giungere davanti alla camera e senato, sottoponendoli a più riprese ad attacchi e colpi di manganello.... NON CI SONO PAROLE !!
Guardatevi bene le immagini, in larga parte desunte da televisioni locali, e guardate se vi sembrano in alcun modo riconoscibili quegli "aderenti di centri sociali" a cui qualcuno vorrebbe attribuire la responsabilità NON di scontri -PERCHE' TALI NON SONO STATI- ma di semplici attacchi delle forze dell'ordine ad un corteo complessivamente pacifico.

RINGRAZIAMENTI: TG8 del 6 luglio, TG8, TGMax, TGR-Abruzzo, TGLa7 del 7 luglio 2010, oltre a brevi spezzoni da TG5 e TG1.

1 commento:

Lacedemone ha detto...

Io ero a Roma giorni fa; ho visto gli abruzzesi manifestare, nel momento in cui passavano per Piazza Venezia. E vi assicuro che c'era chi, probabilmente, di "farsi ascoltare dal parlamento della nazione" non gli fregava proprio nulla. Manifestanti che bloccavano il traffico, impedivano alle moto, con spinte, colpi e minacce, di passare. Dite ora che sono state le forze dell'ordine a bloccarli incivilmente, ma a me gli unici incivili mi son sembrati gli aquilani, che per primi hanno usato la violenza, le ingiurie e gli insulti. E io c'ero, l'ho visto con i miei occhi. Complimenti a tutti.